martedì 23 luglio 2013

I negozi di sigarette elettroniche si danno un'autocertificazione per i propri prodotti


Alcuni marchi sul mercato si sono dati un’autocertificazione, con l’intento di dimostrare la validità del loro prodotto.
In pratica, per garantire la bontà di ciò che vendono, alcune aziende hanno deciso di adottare una serie di regole, come ad esempio l’utilizzo di aromi o componenti della sigaretta elettronica comprati in Italia o comunque costruiti in una filiera giudicata “controllata”».
L’intento, insomma, è quello di dimostrare l’affidabilità del proprio prodotto rispetto, ad esempio, a quelli di dubbia provenienza e origine o al vasto mercato del “made in China”.

1 commento:

  1. After doing some online research, I got my first electronic cigarette kit on VaporFi.

    RispondiElimina